Turchia: Isis avvelena l’acqua

Isis

L’Isis, dopo aver compiuto attentati di ogni genere, prova a colpirci con una nuova strategia mai utilizzata sino ad ora: vogliono avvelenare l’acqua. I media della Turchia, che hanno avuto modo di visionare dei documenti provenienti dai servizi segreti, ne sono più che certi. Infatti, in base ad una fonte “molto confidenziale”, giunta dall’intelligence turca e passato la scorsa settimana attraverso il vicegovernatore di Istanbul, pare che il Califfato, come scrivono oggi i media, abbia intenzione di avvelenare gli acquedotti della Turchia, attraverso l’inquinamento di esse con batteri pericolosissimi, fra i quali uno che provoca la tularemia, ovvero la febbre dei conigli. Questo batterio, molto difficile da scoprire a causa di sintomi simili a quelli di normali influenze , sarebbe un’arma letale. Quindi, dopo altri attacchi con armi chimiche già avvenuti in passato in Siria e Iraq, l’Isis tornerebbe ad attentati simili.

Notizie simili su NewsEuropa.it