Scoperti due buchi neri supermassicci che orbitano l’uno intorno all’altro

A seguito di varie osservazioni durante anni, un gruppo di astronomi è giunto alla conclusione che due buchi neri supermassicci orbitano l’uno intorno all’altro, una eventualità da sempre teorizzata ma mai dimostrata.
I due buchi neri supermassicci sono lontani circa 750 milioni di anni luce dalla Terra e sono stati scoperti utilizzando il Very Long Baseline Array (VLBA).

Secondo l’astronomo Greg Taylor dell’Università del Nuovo Messico (UNM), era da moltissimo tempo che si era alla ricerca di una coppia di buchi neri supermassicci che orbitano l’uno intorno all’altro come risultato di due galassie in processo di fusione.

“Anche se abbiamo teorizzato che ciò può avvenire, nessuno l’aveva mai visto fino ad ora”, ha dichiarato lo scienziato lasciando intendere che la loro esistenza è stata confermata.
Il periodo orbitale di questi due buchi neri è di circa 24.000 anni e ci sono voluti circa 10 anni di osservazione e un’intera squadra di astronomi per rilevare la curvatura nell’orbita, conferma del fatto che interagiscono gravitazionalmente l’uno con l’altro.

Tra l’altro il processo di attrazione di due buchi neri supermassicci che cominciano ad orbitare intorno ad un centro di gravità comune potrebbe essere alla base del processo di fusione delle galassie, evento già osservato e studiato da molti decenni.

Fonti e approfondimenti

Notizie simili su NewsEuropa.it