Russia, oppositore di Putin condannato di nuovo: non potrà sfidarlo alle presidenziali

Navalny

Alexei Navalny, famoso blogger e attivista russo da sempre feroce oppositore del presidente Putin, è stato oggi condannato tribunale di Kirov a cinque anni di carcere. La pena è stata sospesa, la condizionale ha evitato che Navalny andasse in prigione, ma le polemiche divampano.

Quello che è definito lo Julian Assange russo è stato condannato per appropriazione indebita di legname (500mila dollari il valore stimato) ai danni di una società locale, la Kirovles.

Per Navalny questa sentenza non è di certo una novità: nel 2013 fu condannato per lo stesso motivo, ma la Corte Europea dei diritti dell’uomo annullò la sentenza perché il processo non fu svolto in modo “giusto”. Navalny ha twittato la sentenza ancor prima che venisse annunciata, cercando di mostrare così che l’esito del processo fosse stato scritto da tempo. Per molti, infatti, è un tentativo di Putin di estromettere il suo oppositore dalle elezioni presidenziali del 2018.

Notizie simili su NewsEuropa.it