L’Onu all’attacco di Trump: “Decisione su migranti meschina e illegale”

trump

Non si fermano le polemiche sulla clamorosa decisione di Donald Trump di impedire, per tre mesi, l’accesso negli Stati Uniti dei cittadini di Iran, Iraq, Libia, Somalia Sudan, Siria e Yemen, paesi per la maggior parte musulmani.

Le proteste si sono moltiplicate in tutto il paese, oggi è arrivata anche una dura presa di posizione da parte dell’ONU, per bocca dell’Alto commissario del Consiglio per i diritti umani ,Zeid Ra’ad al Hussein: “Il provvedimento è illegale e meschino. C’è grande preoccupazione per gli stereotipi sui musulmani che si riflettono in discriminazione nei confronti degli immigrati”.

Non si è fatta attendere la risposta, seppur indiretta, dell’amministrazione Trump. Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, ha sottolineato che “entrare negli Stati Uniti non è un diritto, è un privilegio”.

Notizie simili su NewsEuropa.it