Isisi: autobomba in Siria uccide 32 persone, lo scoppio vicino Misurata

Ennesima tragedia ieri sera in Siria, l’Isis ha fatto esplodere un’autobomba uccidendo ben 32 persone e ferendone almeno 50. Il bilancio dell’accaduto è destinato a peggiorare. Lo scoppio è avvenuto nei pressi del territorio di Washaka, a este delle cittadine di Misurata e Sirte.

L’attentato è stato subito rivendicato dall’Isis tramite un twitter nel quale è stato pure rivelato l’autore del folle attacco che ha provocato tante vittime: si chiama Abu Abdullah, il sudanese. La bomba è stata posizionata all’interno di un camion fatto poi esplodere proprio nel bel mezzo della folla.

Intanto l’aviazione libica sarebbe passata al contrattacco questa mattina rendendosi protagonista di un raid contro uno dei tanta convogli di militanti dell’Isis condotto al Qadaya e al Zamzam, l’attacco avrebbe sorpreso jihadisti mentre quest’ultimi si stavano ritirando verso Sirte.

Notizie simili su NewsEuropa.it