Germania, ora arriva il manifesto anti-immigrati

petry germania

E’ il partito Alternative für Deutschland (AfD), senza rappresentanti in Parlamento ma con una crescita fortissima nei consensi stando agli ultimi sondaggi (potrebbe raggiungere oggi il 14%), a lanciare l’ultima proposta shock in Germania nel tema migranti. La formazione politica nacque circa 4 anni fa: dall’iniziale ideologia anti-UE si è scivolati pian piano a posizioni marcatamente xenofobe e anti-immigrati.

A Stoccarda è andata in scena una due giorni particolarmente rilevante per il partito, considerato che è stato redatto un “manifesto anti-Islam” che non mancherà di far discutere. Frauke Petry, la co-presidente, ha presentato il documento specificando che “non può esserci dialogo con la comunità musulmana (per inciso, il 5% della popolazione tedesca, circa 5 milioni di persone, è di quella religione, ndr)”. Nel manifesto si legge che “L’Islam non è parte della Germania, aspira a combattere il nostro ordine, vuole imporre la sua religione sulle altre. La versione più ortodossa dell’Islam non è costituzionale. Vietati quindi burqa e minareti”.

Notizie simili su NewsEuropa.it